La deflazione entra negli allevamenti suinicoli

Ismea: prezzi in caduta nel 2014, pesano sul settore embargo russo e calo dei consumi interni


Andrizzi_foto 3

Il divieto russo all’importazione, connesso al focolaio di peste suina e all’embargo in atto, e l’estrema debolezza della domanda interna stanno avendo un impatto fortemente negativo sul mercato suinicolo nazionale e europeo. E’ quanto si ricava dal Report “Ismea Tendenze” relativo all’ultimo trimestre del 2014 e riepilogativo dell’intera annata trascorsa.

Il riflesso più immediato di questa situazione – spiega il Rapporto – è il basso livello dei prezzi, con le quotazioni all’origine del bestiame suino in calo, in Italia, del 7,5% su base annua. Un risultato riscontrato sia per i capi da allevamento (-8,5% rispetto al IV trimestre 2013) che per le taglie da macello (-7,3%), in linea con quanto rilevato nei principali mercati dell’Ue-28.

Ad alleviare il peso di questa situazione è stato l’andamento al ribasso di alcune voci costo a carico degli allevatori, con i prezzi dei mangimi scesi del 3,6% rispetto al IV trimestre del 2013 e i capi da ristallo in calo dell’8,1% rispetto a un anno fa. La consistenza degli stock di materie prime impiegate per l’alimentazione dei suini (principalmente mais e soia), non dovrebbe tra l’altro determinare mutamenti di tendenza dei prezzi, prefigurando uno scenario senza tensioni anche nel 2015.

Relativamente all’evoluzione degli scambi con l’estero, l’analisi Ismea rivela, a consuntivo dei primi dieci mesi del 2014, un peggioramento di 1,7 milioni di euro del deficit della bilancia commerciale del settore. In termini monetari, le importazioni di suini vivi e di carni fresche e congelate hanno fatto segnare aumenti rispettivamente del 18 e del 2 per cento, mentre sul versante dell’export si è registrato un miglioramento per salumi e altre preparazioni, con un più 6,5% rispetto al gennaio-ottobre 2013.

Sul mercato interno, infine, i dati Panel Ismea – Gfk/Eurisko relativi ai primi 11 mesi del 2014 indicano una consistente flessione degli acquisti delle famiglie italiane di carni suine. Rispetto allo stesso periodo del 2013 si è registrata una contrazione del 6% sia nei volumi che nella spesa; meglio i salumi con un più 2% delle quantità acquistate e un calo solo marginale in termini monetari.               S.N.


Pubblica un commento