Agrinsieme: “insostenibile” la crisi della carne suina

Il prezzo all’origine, dice il coordinamento, è sceso del 20% in 5 mesi. Le quotazioni dei suini da macello, da settembre a febbraio, sono crollate da 1,46 a 1,20 euro/kg


CREFIS_SN-2011-01_Gusmaroli

Agrinsieme, il coordinamento che raggruppa Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative italiane agroalimentari, denuncia: la situazione del mercato suinicolo «è diventata insostenibile, nel disinteresse generale. Alla stalla negli ultimi 5 mesi il prezzo è in caduta libera. Si produce sotto i costi di produzione. E’ in ginocchio un settore di punta del made in Italy».

L’evoluzione dei prezzi all’origine dei suini da settembre 2015 a febbraio 2016, secondo una elaborazione effettuata da Agrinsieme su dati Ismea, è questa:

  • Scrofe: da 0,55 a 0,43 euro/kg (-21,8%)
  • Suini da macello: da 1,46 a 1,20 euro/kg (-17,8%).

I ripetuti ribassi registrati nella Cun (Commissione Unica Nazionale) di queste ultime settimane, spiega Agrinsieme, «hanno portato il prezzo della carne suina ben al di sotto dei costi di produzione, nonostante la consistente diminuzione del patrimonio suinicolo di questi anni. Negli ultimi 5 mesi la flessione media è stata intorno al 20% sia per le scrofe che per i suini da macello. Questa caduta delle quotazioni sta inesorabilmente sottraendo gli ultimi barlumi di vitalità ad un comparto già da tempo provato. Il lavoro, la professionalità, l’esperienza, gli investimenti e soprattutto la passione di una vita stanno andando in fumo».

Il sistema allevatoriale, continua Agrinsieme, «è al collasso: soffre la mancanza di un programma strategico di rilancio della filiera ed una forte competitività internazionale aggravata dall’embargo e dalle barriere doganali imposte da molti Paesi. Il protrarsi dell’embargo russo, per esempio, ha effettivamente stravolto il sistema allevatoriale suinicolo, non solo nazionale. Anche le misure di stoccaggio privato delle carni varate dalla Ue per sostenere il settore sono risultate inefficaci a fronte di una crisi strutturale del sistema. Inoltre si deve considerare che si prefigurano pesanti ripercussioni negative nella prossima primavera, quando i quantitativi stoccati dovranno essere reimmessi sul mercato. Questa emergenza deve essere nuovamente posta con forza all’attenzione del governo, coinvolgendo il Mipaaf, il Mise e il ministero della Salute, per quanto di competenza relativamente alla rimozione delle barriere sanitarie».

E’ fondamentale, sostiene  il coordinatore  di Agrinsieme, Dino Scanavino, definire con le amministrazioni e la filiera «un piano di supporto al settore che attivi azioni concrete e tempestive per la valorizzazione della carne di maiale e dei prodotti trasformati, la promozione della nostra salumeria a denominazione di origine sul mercato internazionale, il supporto al credito, la riduzione della pressione fiscale, la risoluzione delle limitazioni sanitarie ancora in atto in alcune aree del territorio. Non ultimo si deve alzare l’attenzione sul nostro export, promuovendo interventi concreti verso nuovi mercati, ad iniziare dalle aree del sud est asiatico. Tutto questo deve essere fatto in fretta infatti troppi allevamenti sono allo stremo, mentre aumenta la già fortissima concorrenza tra i paesi comunitari produttori di carne suina.  Non bisogna perdere altro tempo sono in gioco le sorti di un comparto fondamentale della nostra agricoltura, vanto della nostra gastronomia e del made in Italy”. Serve un piano strategico, ma servono anche misure immediate di sostegno: nessuna strategia può nascere sui cocci del sistema allevatoriale”.

G.S.


Pubblica un commento